pagina precedentepagina successiva

 

Il meccanismo di verifica viene innescato solo al termine della fase metaprogettuale, su scenari ottenuti da procedure generative. Queste procedure si basano sui codici e sulla loro successiva applicazione e stratificazione nel paradigma organizzativo. E' quindi ovvio che tutte le operazioni precedenti alla verifica di validità dei codici, rientrino nella fase progettuale e sono:

1- Lettura soggettiva degli scenari di riferimento.

2- Individuazione dei codici di riconoscibilità.

3- Applicazione dei codici addotti : definizione del paradigma organizzativo attraverso i valori parametrici dei codici.

4- Innesco del progetto : scenari metaprogettuali.

5- Verifica di validità dei codici adottati : OBIETTIVO

Se nella fase di verifica la validità dei codici risulta positiva, significa che è stato raggiunto l'obiettivo, in funzione di quel particolare scenario metaprogettuale esaminato. In caso contrario, bisogna riprogettare il codice e sottoporlo nuovamente a verifica.

Comunque è possibile che la definizione di un codice conduca a soluzioni non soddisfacenti, o che queste siano limitate. Bisogna quindi operare un nuovo salto logico, costruendo nuove adduzioni dall'immaginario soggettivo di riferimento. Un codice potrà ad esempio essere utilizzato per costruire la superficie della specie dell'oggetto "panchina" (addotta dal primo scenario), ma risultare insufficiente per una verifica di riconoscibilità dell'oggetto. Si rendono quindi necessari ulteriori codici generativi che adducano dal riferimento altre categorie formali o tipologiche come, sempre tornando all'esempio del sedile di parco Guell, il rivestimento a mosaico policromo. L'obiettivo che mi prefiggo è quindi quello di realizzare un paradigma organizzativo costituito da più codici adatti alla costruzione della specie dell'oggetto. La quantità dei codici dipende dalla qualità riscontrabile negli scenari metaprogettuali, ottenuti da una stratificazione degli stessi codici adottati. Le stesse procedure valgono per gli altri scenari di riferimento scelti: tramite un'interpretazione soggettiva si opereranno delle adduzioni che permettano di costruire i relativi codici alle categorie scelte di volta in volta dall'immaginario di riferiemento.

 

 

 

 
1- Costruzione del codice
2- Paradigama organizzativo dei codici
3- Scenari metaprogettuali / scenari di specie
4- I°OBIETTIVO : verifica di validità dei codici utilizzati per la costruzione dello scenario
Codice valido
Codice non valido : ritorno al punto 1
5- II°OBIETTIVO : verifica di qualità degli scenari. Confronto con l'immaginario
di riferimento
6- Formazione di nuove richieste
7- Costruzione di nuovi codici: norme ed eccezioni nel paradigma organizzativo
Incremento di complessità: stratificazione dei codici
8- Nuovo paradigma organizzativo

9- Scenari metaprogettuali / scenari di specie

Gli scenari ottenuti possono essere sottoposti nuovamente a verifica di qualità, e si ripete quindi il ciclo (da 5- a 9-).